x 

Carrello vuoto

Un'indagine a campione condotta nel Lazio dall'Unione nazionale consumatori fa emergere malcontento diffuso verso la distribuzione diretta e un plebiscito a favore della distribuzione tradizionale

La distribuzione diretta dei farmaci presso la Asl, non piace al 62,67%% dei pazienti del Lazio, contro il 30,67% che si dice invece soddisfatto del servizio, e il 6,67% che lo è solo a volte. E' quanto emerge da un'indagine, condotta dall'Unione nazionale consumatori (Unc), attraverso un questionario al quale hanno risposto 150 persone contattate nei pressi di 5 Asl del Lazio, fra novembre e dicembre 2008. L'indagine, presentata a Roma, ha voluto testare il gradimento di questo sistema di distribuzione, adottato dalla Regione Lazio e da altre regioni italiane come misura per contenere la spesa farmaceutica. Agli intervistati è stato anche domandato: "Riesce a raggiungere comodamente la sua Asl?". Il 55,33% ha risposto 'no', il 42,667% sì e il 2% ha detto di riuscirci solo a volte. E ancora. Alla domanda: "Sarebbe più semplice e pratico poter prenotare e/o ritirare i medicinali presso le farmacie?", il 94,67% ha risposto sì, contro un 3,33% di no e il 2% che ha detto "a volte". Nel Lazio, infatti - hanno ricordato gli organizzatori dell'incontro - sono in vigore dal primo gennaio 2009 misure che prevedono per alcuni farmaci l'erogazione diretta da parte della Asl (soprattutto antitumorali) e per altri la cosiddetta distribuzione per conto, con la quale i medicinali vengono acquistati dalla Regione ma distribuiti tramite le farmacie pubbliche e private, grazie ad accordi ad hoc."Nella sanità pubblica - ha commentato Massimiliano Dona, Segretario generale dell'Unc - l'interesse degli utenti si persegue con il contenimento dei costi solo a condizione che tale risparmio non avvenga sulle spalle dei cittadini. L'enorme mole di reclami sulle inefficienze della distribuzione diretta dei farmaci ci ha indotto a realizzare questa inchiesta pilota nel Lazio, ma che può dirsi emblematica di problemi che vanno risolti a livello nazionale. E' importante dunque - ha aggiunto - sensibilizzare soprattutto chi ha responsabilità di Governo per semplificare la vita di quei consumatori che, in quanto malati, appartengono a fasce particolarmente deboli della popolazione". "I dati di questo sondaggio, per quanto limitati a una realtà precisa, confermano quanto sosteniamo da sempre. La distribuzione diretta crea un disagio ai cittadini e anche maggiori oneri, quantomeno in termini di tempo" ha commentato Andrea Mandelli, vicepresidente della FOFI. "Senza contare che questa soluzione, presentata come un mezzo per conseguire un risparmio, presenta inevitabilmente dei costi che, però, nessuno ha finora potuto valutare. Mi sembra, in definitiva, che le farmacie di comunità rappresentino per i cittadini un elemento fondamentale del Servizio sanitario, un presidio al quale non intendono rinunciare".

Fonte: Farmacista33

CONTATTI

Farmaplanet.it la tua farmacia online
c/o Farmacia Centrale
via Cristoforo Colombo, 16
30031 Dolo (VE)

tel 041.5101021 - fax 041.5128631
email informazioni@farmaplanet.it

orari da lunedì a venerdì
negli orari 8.30-11.30 - 15.30-18.00

NEWSLETTER

Iscriviti all Newsletter di Farmaplanet per ricevere le offerte ed i coupon validi per gli sconti alla cassa !

captcha 

ACQUISTI SICURI

acquisti paypal PAYPAL VERIFIED
SSL SECURE SITE